MV 48

Brigantino americano
(Sc. 1:100 L. 420 mm. H. 390 mm.)

Il Lexington faceva parte di una piccola flotta di brigantini mercantili che furono frettolosamente trasformati in navi da guerra a Philadelphia nel 1775/77, al tempo della guerra contro gli inglesi. Sotto il comando del capitano John Barry, il 7 aprile 1776 ebbe uno scontro vittorioso con la corvetta Edward. Nello stesso anno fu catturato dalla fregata britannica Pearl, ma l’equipaggio riuscì con un colpo di mano ad impossessarsi di nuovo della nave e a fare ritorno a Baltimora. L’anno successivo il Lexington salpò per la Francia. Partecipò con altre navi a parecchie azioni di guerra nel golfo di Biscaglia, nel Canale della Manica e attorno alle coste irlandesi, catturando parecchie navi inglesi. Di ritorno dalla Francia, il 20 settembre 1777, fu catturato dal cutter inglese Alert dopo in combattimento durato più di 3 ore, durante il quale il Lexington esaurite tutte le munizioni, dovette arrendersi per salvare la vita all’equipaggio già decimato dalle bordate nemiche.